Ricordo di Roberto Giulio Romanelli

L’11 maggio scorso ci ha improvvisamente lasciati Roberto Giulio Romanelli, Professore Associato di Medicina Interna presso il Dipartimento di Medicina Sperimentale e Clinica dell’Università di Firenze. Nato a Ragusa nel 1959, si era laureato in Medicina e Chirurgia presso l’Università degli Studi di Firenze nel 1985. Nella stessa Università aveva conseguito nel 1990 il titolo il Dottore di Ricerca, sotto la guida del prof. Paolo Gentilini. Sempre nello stesso anno aveva preso servizio come tecnico laureato con funzioni mediche presso il Centro Interuniversitario di Fisiopatologia Epatica. Dal 1991 al 1993 aveva trascorso un periodo di studio presso il Department of Physiology della Tufts University, Boston, diretto dal prof. Irwin M. Arias. Nel 2001 aveva conseguito il titolo di Ricercatore ed era stato nominato Professore Associato nel 2015.

Il prof. Romanelli ha dedicato la sua attività di ricerca a vari settori della fisiopatologia epatica, ma in particolare si è interessato alla fisiopatologia del ricambio idrosalino in corso di cirrosi epatica. Di grande rilievo alcuni studi sull’impiego dell’albumina nel paziente con cirrosi e ascite, pubblicati anche di recente su riviste di elevatissimo livello scientifico. Ha tenuto numerosi insegnamenti, tra questi ha seguito con grande passione e dedizione l’insegnamento della Semeiotica Medica. È stato inoltre docente in diverse Scuole di Specializzazione di area medica ed ha seguito lo svolgimento di numerose tesi di laurea. Responsabile di un Reparto di degenza ha sempre contribuito all’attività assistenziale, che ha svolto con professionalità e umanità, seguendo anche con dedizione molti pazienti ambulatoriali. La sua scomparsa ha suscitato grande cordoglio tra tutti i colleghi di lavoro, che hanno sempre apprezzato i tratti miti e gentili del suo carattere, la sua signorilità e la grande disponibilità verso colleghi, studenti e pazienti.

Roberto Giulio Romanelli


Giacomo Laffi