La vita al tempo della peste

Stampa

Maria Paola Zanoboni

Jouvence Editore

Maria Paola Zanoboni, storica di professione, pubblica per Jouvence un agevole testo, La vita al tempo della peste”, nel quale ripercorre i principali episodi epidemici tra il mille e il milleseicento, inserendo la narrazione in un ampio quadro sindemico prevalentemente riferito alla sanità, ai rimedi, alle condizioni economiche e alle conseguenze sociali della peste.

Ne esce un quadro forse un po’ frammentario ma di piacevole lettura e ricchissimo di particolari assai vivi e coinvolgenti. L’insegnamento è che i provvedimenti di sanità pubblica, nonostante l’enorme messe di conoscenze che dividono l’attuale pandemia da ogni precedente storico, sono sempre gli stessi e nascono da osservazioni empiriche tuttora valide.

Lo strumento principale è la quarantena, che talora si spinge fino all’assedio militare, alla chiusura degli esercizi commerciali, alle sepolture pubbliche, all’invenzione dei lazzaretti, il tutto provocando crisi e sofferenze inaudite alle popolazioni colpite dalla peste ma, ancor più, dalla fame e dalla miseria.

Forse la differenza più rilevante, rispetto all’odierna pandemia, sta nella coscienza dell’origine umana (viviamo nel cosiddetto antropocene) della zoonosi che ci colpisce in questo terribile momento storico, e quindi delle nostre responsabilità politiche e sociali. Non possiamo più accusare miasmi o prodigi o untori o punizioni divine ma noi stessi, che però, come Dedalo fu creatore del Labirinto e anche del filo di Arianna, abbiamo provocato il grave dissesto della biodiversità e poi, in meno di un anno, prodotto il vaccino.

Lo studio della storia delle pestilenze, di cui il testo della professoressa Zanoboni è un ottimo esempio, con il suo suggestivo quadro di gravissimi danni umani, sociali e economici, dovrebbe indurci a rifletter e agire per prevenirle volgendo i nostri sforzi verso una sanità one health, rispettosa della biodiversità e consapevole del ruolo dell’umanità di preservare il pianeta per le future generazioni.

Fig 1 letti per voi

Tags: