Emergenza-Urgenza: le direttrici FNOMCEO

Una “To do list”, una serie di punti da affrontare che delineeranno il programma di lavoro del nuovo Tavolo tecnico della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici sul “Rapporto tra professioni nell’emergenza urgenza” - istituito il 7 luglio scorso - a cui sono stati invitati esperti dell’emergenza ur-genza, rappresentanti IPASVI, AIFA e rappresentanti della Magistratura. È quanto è emerso dal Consiglio Nazionale monotematico della FNOMCeO che, tutto dedicato ai rapporti tra le diverse Professioni sanita-rie nell’ambito dell’emergenza-urgenza, si è tenuto la settimana scorsa a Roma. “L’obiettivo ultimo e con-diviso - afferma la coordinatrice del Tavolo, Anna Maria Ferrari - è quello di rendere più omogeneo ed ef-ficace, a tutela della salute del cittadino e delle professioni, il sistema d’emergenza urgenza, che soffre di vuoti legislativi, normativi ed organizzativi che hanno contribuito alla elaborazione ed applicazione di modelli assistenziali non comparabili fra di loro”. Maggiore uniformità degli standard sul territorio nazio-nale, una chiara ripartizione delle responsabilità tra le diverse professioni, una definizione univoca delle caratteristiche di professionalizzazione dei mezzi di soccorso, regole certe per la somministrazione di alcuni farmaci da parte degli infermieri, su protocollo e/o su indicazione in remoto da parte del medico: queste alcune delle problematiche rilevate dal Gruppo di Lavoro sui rapporti tra le Professioni Sanitarie, nel cui ambito è stato creato il Tavolo tecnico sull’emergenza-urgenza.