PENSIONAMENTO ENPAM FONDO GENERALE QUOTA A MEDICI NATI NEL 1956

Si ricorda che a seguito dell’entrata in vigore del Regolamento ENPAM conseguente alla Riforma Fornero, già dal 2013 il requisito minimo dell’età per il pensionamento di vecchiaia del Fondo Generale Quota A e Quota B si è progressivamente innalzato, fino ad arrivare a 68 anni. Tuttavia il Regolamento prevede una clausola di salvaguardia in virtù della quale ai medici della classe 1956 è permesso di ottenere la pensione della Quota A nel 2021 (e cioè al compimento dei 65 anni) senza dover attendere il raggiungimento dei 68 anni. Per esercitare tale diritto il medico deve inviare all’ENPAM – con raccomandata A/R o tramite PEC – il modulo di opzione entro il 31/12/2020 o, comunque, a pena di decadenza, entro il mese del compimento dei 65 anni di età. Al raggiungimento dei 65 anni sarà necessario inviare all’ENPAM la domanda di pensione vera e propria. L’invio del modulo comporta l’accettazione delle condizioni descritte ai punti 4) e 5) del modulo. Questo è il link per scaricare il modulo: https://www.enpam.it/wp-content/uploads/Modulo-per-lesercizio-del-diritto-di-opzione-per-il-calcolo-della-pensione-di-quota-A-1.pdf 
Si ricorda che per poter valutare quale sia la soluzione più confacente alle proprie aspettative (se cioè chiedere la pensione ai 65 anni oppure attendere i 68, continuando a pagare i relativi contributi minimi), l’ENPAM mette a disposizione nell’area riservata del proprio sito internet www.enpam.it uno strumento per la simulazione del calcolo.

Si ricorda infine che quanto sopra vale per la Quota A. Per quanto riguarda la Quota B, questa dovrà continuare a essere versata e la relativa domanda di pensione (anticipata o ordinaria) potrà essere presentata secondo le modalità e con i requisiti consultabili sempre sul sito www.enpam.it  nella sezione “Come fare per”.