Toscana Medica - Marzo 2020

3/2020 T OSCANA M EDICA 22 testatina quali à e professione zio sono disponibili le seguenti pre- stazioni: • consulenza e indicazione su ortesi (tutori, plantari, corsetti) e ausili (carrozzine, statica), loro prescri- zioni e monitoraggio nel tempo; • inoculo di tossina botulinica; • indicazione e refill di pompa al ba- clofene; • esecuzione di EEG, potenziali evo- cati sensitivi e motori, elettromio- grafia, potenziali evocativi visivi e uditivi; • monitoraggio degli scambi respira- tori con capnografia e polisonno- grafia; • accesso a protocolli sperimentali di stimolazione transcranica e neuro- modulazione; • gait analysis , ovvero analisi stru- mentale del cammino. Per i pazienti più complessi, porta- tori di cannule tracheostomiche e gastrostomie percutanee, è previsto un addestramento dei parenti alla gestione di questi presidi da parte di personale infermieristico altamente qualificato. Consulenze esterne Il protocollo di intesa tra la Fondazio- ne Don Gnocchi e L’Azienda Ospe- daliera Universitaria Meyer prevede la possibilità di supportare l’attività clinica del Reparto di Riabilitazione Pediatrica con la consulenza degli specialisti di ogni branca dell’AOU Meyer, oltre all’accesso agli esami strumentali eseguiti presso la stessa struttura. Ricerca Il Centro Don Gnocchi come Isti- tuto di Ricovero e Cura a carattere scientifico ogni anno promuove pro- getti di ricerca scientifica in ambito riabilitativo pediatrico. direzione.polotoscana@dongnocchi.it della riabilitazione (fisioterapisti, te- rapisti della neuro e psicomotricità, logopedisti), neuropsicologi, psicolo- gi ed educatori altamente qualificati in ambito riabilitativo pediatrico. Le principali condizioni disabilitanti di cui il servizio di Riabilitazione Pe- diatrica si occupa sono: • deficit neuropsicologici e del linguaggio , congeniti o acqui- siti (ritardo cognitivo, deficit di attenzione, di memoria ecc.) av- valendosi per il training anche di strumenti ad alto contenuto tec- nologico, frutto della collabora- zione con il gruppo di ricerca di bioingegneria clinica della Fonda- zione Don Gnocchi; • riabilitazione neuropsicomo- toria . È diretta a bambini affetti da esiti di eventi cerebrovascolari, traumi cranici, neoplasie cerebrali che presentino problematiche ri- conducibili allo sviluppo motorio e neuropsicologico; • riabilitazione neuromotoria . Questa attività si rivolge a bambi- ni affetti da eventi traumatici con danno di tipo ortopedico nonché a bambini affetti da paralisi cerebra- le infantile, patologie neuromu- scolari e altre malattie genetiche, sottoposti a interventi di chirurgia ortopedica funzionale; • disturbi della deglutizione, di- sfagia . Spesso bambini affetti da patologie di natura molto etero- genea tra di loro possono presen- tare problematiche disfagiche, fino a necessitare il posiziona- mento di sondino naso-gastrico o gastrostomia percutanea per sod- disfare l’esigenza nutrizionale in sicurezza. All’interno del Servizio è presente personale specializza- to dedicato alla riabilitazione di tali problematiche, che si avvale anche dell’uso di indagini stru- mentali, come la fibroscopia de- glutitoria. Nell’ambito dell’attività del Servi- gio ecc.) ma anche di natura visiva, ortopedica, deglutitoria e respirato- ria (primitiva o secondaria). Diversi sono i setting riabilitativi pre- senti all’interno del servizio: • la degenza . A essa si ha accesso per invio da parte dell’ospeda- le per acuti (AOU Meyer o altre strutture ospedaliere, anche ex- tra-regionali) oppure, dietro spe- cifica richiesta, anche da parte del medico curante o dei servizi territoriali che hanno in carico il bambino. All’interno della strut- tura sono presenti camere singole o doppie, che ospitano in maniera confortevole i piccoli pazienti e i loro genitori, con bagno in camera attrezzato per disabili e possibilità di servizi accessori gratuiti (lava- trice, asciugatrice, frigo, forno). Durante la degenza il paziente è avviato a un percorso riabilitativo intensivo, che prevede ogni gior- no i diversi trattamenti riabilitativi necessari; • il Day Hospital . A esso si ha ac- cesso previa richiesta del medico di riferimento dei servizi terri- toriali (neuropsichiatra infantile, fisiatra) o successivamente a una visita specialistica effettuata presso la struttura. In tale contesto è pos- sibile erogare prestazioni riabilita- tive differenti (fisioterapia, logope- dia, trattamento neuropsicologico) nell’arco della stessa giornata per un periodo di tempo definito; • l’ attività ambulatoriale . Essa può essere attivata con le stesse moda- lità del Day Hospital e consente di erogare un trattamento riabilitativo specifico con frequenza settimana- le, da stabilire a seconda delle ne- cessità individuali. Il personale del Servizio, diretto dal prof. Claudio Macchi, è composto da medici (internisti, fisiatri, neuropsi- chiatri infantili, pediatri, pneumo- logi), infermieri pediatrici, terapisti

RkJQdWJsaXNoZXIy NTA4Njg=